Granada, cosa vedere della città spagnola, nel post a cura di Viaggi in Europa

Che si tratti di un viaggio di nozze, piuttosto che una vacanza con la propria famiglia o con gli amici, girare l’Europa è sempre una buona idea. La Spagna è una meta imperdibile, che vale la pena concedersi almeno una volta nella vita, per una crescita personale e culturale: se si sceglie di visitare il Paese Iberico, Granada non può proprio mancare nel proprio itinerario di viaggio. 

In questo nuovo post a cura di Viaggi in Europa andiamo alla scoperta di Granada, il capoluogo dell’omonima provincia andalusa, un viaggio culturale imperdibile. Bentornati sul nostro portale!

Dove si trova Granada

Granada è la capitale dell’omonima provincia in Andalusia, meravigliosa regione a Sud della Spagna, caratterizzata da un mix di influenze culturali e religiose, che rendono questa terra intrigante e ricca di emozioni. Chi sceglie di visitare Granada ha modo di conciliare diverse esperienze: paesaggistica, per la possibilità di rimanere incantati di fronte alle vette maestose della Sierra Nevada, con una città situata, nello specifico, sulla confluenza del fiume Darro con il Genil; culturale, per l’indimenticabile esperienza a contatto con le suggestioni moresche e gitane; enogastronomica, per l’occasione di deliziare il palato con gli irresistibili sapori tipici del territorio. 

Ecco a voi la mappa di Granada:

mappa granada

Clima Granada

Il clima a Granada è secco e continentale, nonostante la vicinanza al mare e ai fiumi prima citati. La pioggia è rara e le alte montagne della Sierra Nevada impediscono che la brezza del mare renda il clima più fresco, specialmente in estate. Nello specifico, così, abbiamo che in inverno le temperature scendono sotto lo zero, mentre in estate superano abbondantemente i trenta gradi. Inoltre, si assiste ad un’escursione termica tra mattina e sera, di diversi gradi.

Il periodo migliore per visitare Granada è in primavera, quando le temperature sono piuttosto gradevoli, oppure in autunno. Da evitare, invece, il periodo estivo per la forte calura.

Moneta Spagna

La moneta ufficiale in Spagna è l’Euro, che ha sostituito la Peseta spagnola. Quindi in caso di viaggio a Granada non avrete problemi con il cambio.

Come muoversi a Granada

La città di Granada è servita dall’Aeroporto di Granada, situato a circa 20 km a ovest. In alternativa, se avete scelto di visitare altre città andaluse in precedenza (ricordiamo la vicinanza a Siviglia e Cordoba), potete optare per la Stazione dei treni di Granada.

Una volta giunti in città, i principali mezzi di trasporto pubblico sono rappresentati dal bus, che unisce le diverse parti della città, oppure la Tranvia di Granada, la  metropolitana locale, che serve la città di Granada e i comuni limitrofi. La linea è unica ed è stata inaugurata nel 2017.

Per i più pigri, l’alternativa ultima è il taxi, disponibile 24 ore su 24.

Cosa vedere a Granada

Chi sceglie di avventurarsi in Andalusia fa una scelta di qualità perché la regione della Spagna meridionale è un concentrato di fascino mediterraneo, misto alle bellezze della cultura moresca, araba e rinascimentale. Una tappa considerata d’obbligo dalle più esperte guide turistiche è senza dubbio Granada, ai piedi della catena montuosa della Sierra Nevada, di cui l’Alhambra è degna portavoce delle bellezze architettoniche e del ricco patrimonio culturale della città andalusa. Alhambra è un termine arabo e significa letteralmente ‘la rossa’, probabilmente usato per indicare il colore delle mura della cittadella, di un gradevole colore tendente al rosso. Si tratta di una delle sette meraviglie del mondo moderno, proclamata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. La cittadella fu costruita dai mori provenienti dal Marocco, che si insediarono nel Sud della Spagna intorno al VII secolo dopo Cristo e ne fecero un rinomato centro culturale, religioso e artistico. All’interno della struttura si può apprezzare la raffinatissima arte araba, scandita da colonne, archi e decori incantevoli. Chi ha visitato questo posto, ha potuto apprezzare lo sfondo dei monti della Sierra Nevada – nonché tutto il panorama di Granada – e i bellissimi giardini Generalife, che impreziosiscono il sito storico di un verde che mette di buon umore. 

Nella città andalusa vale la pena imbattersi nel piacevole quartiere di Albayzín, dove si entra in contatto con la cultura moresca, data la presenza di palazzi arabi, come l’incantevole Dar al-Horra. Questo borgo è rinomato per le piacevoli passeggiate e per la possibilità di gustare un drink locale, accompagnato dalle tipiche tapas, stuzzichini che vengono serviti nei bar e nei tanti ristoranti della zona.

Poco distante da questo quartiere, si trova Sacromonte, un complesso abitativo di origine medievale, costituito da grotte molto suggestive. Chi ha la fortuna di imbattersi in questo posto, può apprezzare uno spettacolo di flamenco, il ballo tradizionale andaluso nonché eredità culturale lasciata dagli antichi gitani, popoli nomadi della Spagna meridionale. Qui troverete anche il Museo Cuevas del Sacromonte, il quale conserva una serie di case costruite nella roccia, mentre nella panoramica abbazia della zona sono custodite alcune reliquie sacre. 

Nel centro cittadino si raccomanda di fare un salto nella bellissima cattedrale di Granada, un luogo di culto caratterizzato da una commistione di stili architettonici, nei quali si può decifrare l’influenza rinascimentale e quella barocca.

Infine, merita una visita anche il Palazzo della Madraza, fondato dal sultano Yusuf I. La Madraza è stata la prima università cittadina, oltre che una delle più antiche d’Europa, e ancora oggi sede dell’università locale.

cosa-vedere-a-Granada

Alhambra

Cosa mangiare a Granada

Un viaggio non può dirsi completo senza l’assaggio delle tipicità locali. Oltre che le già citate tapas, vere e proprie leccornie, accompagnate magari da un’ottima sangria, a Granada troverete una tradizione eno-gastronomica ricca di piatti e altri prodotti tipici locali.

Tra i tanti piatti tipici di Granada segnaliamo la tortilla di Sacromonte, i cui ingredienti sono cervello e interiora di maiale e vitello, unite a uova battute e patate. Da provare anche il Gazpacho, una zuppa di verdure crude, accompagnato dal pane locale chiamato saladilla. Inutile dire degli insaccati, vera squisitezza qui in Andalusia, come jamón e chorizo.

Come dolci consigliamo, invece, i churros, che troverete un pò in tutta la Spagna, oppure i locali piononos, dolcetti al pan di spagna, imbevuti nel latte e in altre spezie, con bordo superiore in crema pasticcera.

tapas spagnole

Cosa fare la sera a Granada

Un viaggio non è solamente visitare musei e monumenti. Di certo è una delle attività, ma anche la sera bisogna evadere e svagarsi. La nightlife in Spagna di certo non è noiosa come in altri posti e Granada non fa eccezione. Qui troverete divertimenti e momenti di svago notturno, grazie anche alla presenza massiccia di studenti in Erasmus. Quindi, per cominciare, consigliata una buona cenetta in centro storico oppure un buon calice di sangria o birra, accompagnata da tapas. Poi da non perdere il tradizionale spettacolo di flamenco, danza tipica dei gitani, in uno dei tablao della zona.

Per chi, invece, ricerca il puro svago, può trovare tantissime discoteche dove trascorrere la serata, facendo le ore piccole. Le più gettonate si trovano nelle zone di Los Reyes Católicos, il Paseo de los Tristes o Pedro Antonio de Alarcón.

Se, infine, volete trascorrere alcune ore di relax serale, consigliamo i bagni arabi di Granada. Il più famoso è Hammam Al Andalus, dotato anche di Spa.

flamenco-foto

Il nostro post  dedicato alla città andalusa di Granada, termina qui. Alla prossima con gli approfondimenti a cura del nostro portale!

Pin It on Pinterest